Volkswagen

Volkswagen Golf GTI 2009

A poche settimane dalla presentazione della nuova Golf edizione 2009, Volkswagen presenta la versione GTI, che dal lontano 1976 rappresenta l’essenza sportiva della due volumi tedesca.

volkswagen-golf-gti-2009-esterni1 Volkswagen Golf GTI 2009

Sarà commercializzata dalla metà di maggio 2009, a partire da 26.800 euro per la versione tre porte con cambio manuale a sei marce. Con poco meno di 2.000 euro in più, si può dotare la nuova Golf GTI del cambio a sei rapporti DSG a doppia frizione, che a detta di Volkswagen garantisce cambiate molto veloci.

Di serie ci sono il cruise control, il climatizzatore elettronico, la radio con lettore di MP3 ed il differenziale elettronico, integrato nel sistema di controllo elettronico di stabilità (ESP).

Linea sportiva ma equilibrata

Diciamo subito che la sigla GTI non ha modificato più di tanto le linee esterne, che si presentano ben proporzionate e non appesantite da inutili appendici aerodinamiche o spoiler troppo vistosi. Da notare nel frontale il nuovo fascione, che incorpora i fendinebbia dal nuovo design, posti alle estremità laterali. Nella parte centrale il fascione e la mascherina del radiatore, presentano una bella griglia dal disegno a nido d’ape, che contribuisce alla sportività della parte anteriore.

Il profilo laterale è sostanzialmente invariato rispetto ai modelli base, caratterizzato solo dalla presenza di due piccole minigonne nei sottoporta. Molto appariscenti i cerchi in lega a cinque fori da 17 pollici, sui quali sono montati pneumatici 225/45, disponibili anche nella variante da 18 pollici come optional.

Il posteriore si caratterizza per lo spoiler posto sopra al lunotto posteriore, che incorpora anche la terza luce di stop. Si fanno notare i due terminali di scarico cromati posti molto lontani, uno sul lato destro e l’altro sul lato sinistro, incorporati nel fascione in plastica nera, dal disegno ad estrattore d’aria.

volkswagen-golf-gti-2009-posteriore Volkswagen Golf GTI 2009

Interni sportivi e ben rifiniti

Internamente troviamo le ottime rifiniture a cui ci ha abituati Volkswagen, che in quest’ultima versione della Golf sono anche migliorate. Plastiche di buona qualità, morbide al tatto, sedili sportivi dalla forma molto avvolgente, in grado di trattenere bene il guidatore nelle curve più impegnative.

Molto bello il volante sportivo a tre razze, rivestito di pelle con cuciture in filo rosso. Stesso rivestimento e cuciture per la cuffietta del cambio e la leva del freno a mano. Molto bella anche la strumentazione di forma circolare, che segue lo stile riportato in auge ormai qualche anno fa dall’Alfa Romeo 156, con contagiri e tachimetro di forma circolare in evidenza e con caratteri ben leggibili.

volkswagen-golf-gti-2009-interni Volkswagen Golf GTI 2009

Il motore della Golf GTI

Occupiamoci ora del cuore che batte sotto al cofano di questa Golf GTI edizione 2009. Niente sorprese o novità clamorose: c’è ancora il quattro cilindri benzina di 2 litri, con turbocompressore ad iniezione diretta TSI, già montato sul modello precedente della GTI, ma aggiornato tecnologicamente e dotato di maggiore potenza: ora eroga 210 cavalli rispetto ai precedenti 200 cavalli. La coppia massima è di 280 Nm a 1.700 giri.

210 cavalli potrebbero sembrare anche pochi per un motore sportivo di ultima generazione, ma da Wolfsburg assicurano che si è lavorato più sulla qualità della potenza che sulla quantità, riuscendo ad ottenere un motore brillante in grado di offrire ottime prestazioni e sensazioni di guida.

La potenza non esagerata, oltretutto, ha permesso ai tecnici Volkswagen di contenere i consumi, per i quali la Casa dichiara una media di 7,5 litri ogni 100 km, con emissioni pari a circa 170 grammi per chilometro di anidride carbonica (CO2). Inoltre, la velocità massima di 240 km/h è di tutto rispetto per un’auto di questa categoria.

Anche in casa Golf arriva quindi il downsizing, secondo una nuova filosofia costruttiva, che privilegia la qualità di erogazione della potenza alla quantità, i bassi costi di esercizio e la riduzione di inquinamento ed emissioni.

Potrebbe interessarti anche...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*