Auto Ibride ed elettriche / Porsche / Tecnica e motori

Porsche: ricerca e sviluppo auto ibride

Le auto ibride e la trazione elettrica rappresenta una valida soluzione per aumentare l’efficienza in termini di consumi ed emissioni. Porsche si sta muovendo in questa direzione, con la produzione di serie di auto ibride, quali la Cayenne S Hybrid in grado di funzionare con la sola trazione elettrica.

porsche_cayenne_ibrida Porsche: ricerca e sviluppo auto ibride

La stessa tecnologia verrà impiegata sulla Panamera S Hybrid, il suo arrivo è previsto per il prossimo anno. Porsche sta concentrando molte sue risorse per lo sviluppo di vetture a trazione esclusivamente elettrica, nell’ambito di un progetto sperimenterà tre vetture elettriche basate sulla Porsche Boxter. Questi test forniranno dati interessanti per lo sviluppo di nuovi componenti e sistemi di accumulo.

L’avvio è previsto per l’inizio del 2011, consentirà inoltre di approfondire tutte le problematiche legate ad una vettura completamente elettrica, come le infrastrutture necessarie, il comportamento degli automobilisti e le esigenze relative ai futuri prodotti. L’obiettivo finale è riuscire ad offrire un prodotto in linea con i tipici standard qualitativi della casa sportiva tedesca. L’idea di un prodotto in armonia con l’ambiente ma che non rinuncia alla vera anima sportiva, si identifica con il concept ad elevate prestazioni Porsche 918 Spyder. Motore centrale, trazione ibrida plug-in, potenza oltre 600 CV, emissioni di CO2 pari a 70 g/km e consumi di 3 litri ogni 100 km.

Non poteva mancare un progetto legato al mondo delle competizioni. Porsche ha sviluppato un sistema ibrido con la 911 GT3 R Hybrid. La vettura viene spinta da due motori elettrici da 82 CV che si integrano perfettamente con il potente propulsore posteriore a 6 cilindri da 480 CV. L’energia elettrica non viene fornita dalle batterie ma da un sistema di accumulo azionato da un volano, che si ricarica in fase di frenata. La 911 GT3 Hybrid ha debuttato nella 24 Ore del Nurburgring.

Potrebbe interessarti anche...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*