Guida all'acquisto / Tasse automobilistiche

Acquisto auto legge 104: agevolazioni fiscali e requisiti

Requisiti e modalità per acquistare un’auto tramite la Legge 104 del 1992, il cui scopo è: “regolare l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate” e tutelare le persone portatrici di handicap, attraverso misure e agevolazioni prevalentemente di tipo fiscale. Tra le varie tutele della Legge 104 è prevista anche un’agevolazione fiscale per l’acquisto di un auto.

Fotolia_61968732_S-e1429037465754 Acquisto auto legge 104: agevolazioni fiscali e requisiti

È previsto che il disabile, o un suo parente (nel caso in cui il disabile abbia un reddito inferiore a 2.840,51 annui, può beneficiare dei vantaggi fiscali il parente che sopporti il pagamento del bene acquistato nell’interesse del disabile e per uso prevalente o esclusivo di costui). Possono acquistare un auto nuova o usata con un IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) agevolata, in misura del 4% anziché del 22%. Per poterne usufruire l’auto acquistata non deve superare i 2000 cm cubici di cilindrata se il veicolo è a benzina e 2800 cm cubici di cilindrata se il veicolo è con alimentazione diesel. L’IVA ridotta si applica anche all’acquisto di optional e all’eventuale acquisto di servizi di adattamento del veicolo. Si può usufruire dell’aliquota agevolata qualunque sia il valore del veicolo. 

Esenzione dal pagamento del bollo

Il vantaggio che offre la Legge 104, non è solo al momento dell’acquisto dell’auto, ma anche successivamente in quanto vi è l’esenzione totale dal pagamento del bollo, o tassa di possesso, ciò anche nel caso in cui il veicolo sia intestato alla persona a cui il disabile è fiscalmente a carico. L’esenzione dal bollo, una volta richiesta ed ottenuta presso l’ufficio Tributi dell’Ente Regione, è sempre valida non occorre rinnovo. Le agevolazioni per il bollo auto possono essere sfruttate su un solo veicolo quindi, se anche il disabile ha più veicoli, potrà beneficiare di una sola esenzione. Nel caso in cui l’acquisto abbia ad oggetto un’auto usata è possibile beneficiare anche dell’esenzione dal pagamento degli oneri di trascrizione al PRA.

I vantaggi non finiscono qui perché è possibile detrarre dall’irpef (imposta sul reddito delle persone fisiche) un ammontare pari al 19% del costo sostenuto, fino ad una spesa massima di 18.075,99 euro. In questo caso non sono previsti limiti di cilindrata. La somma indicata non è comprensiva dei costi per eventuali adattamenti necessari a consentire l’utilizzo del mezzo da parte del disabile, ad esempio per le pedane sollevatrici, le ulteriori spese per le modifiche necessarie a loro volta potranno essere portate in detrazione dall’irpef in misura del 19%.

Requisiti di periodo per avere l’agevolazione

Una volta riconosciuti i benefici della legge 104, non si potrà usufruire dell’agevolazione prevista per i successivi 4 anni, tranne nel caso in cui l’auto precedentemente acquistata sia stata rottamata per demolizione. Se la stessa viene cancellata dal PRA per esporto all’estero, non sarà invece possibile usufruire nuovamente di benefici fiscali se non sono intercorsi 4 anni. L’agevolazione fiscale in oggetto si perde, con il conseguente onere di versare le imposte non pagate, nel caso in cui il veicolo sia alienato prima che siano trascorsi 2 anni, ciò tranne nel caso in cui l’alienazione con acquisto di nuovo veicolo sia dovuto a nuove esigenze del disabile.
In caso di furto prima dei 4 anni dall’acquisto dell’auto, è possibile usufruire di nuove agevolazioni al netto del rimborso assicurativo, lo stesso non deve comunque superare la quota di 18.075,99 euro.

Requisiti per l’acquisto di un veicolo con la Legge 104

A chi è riconosciuto tale diritto? La norma è rivolta a tutelare persone affette da sordità, cecità, anche con vista residua non superiore ad un decimo con correzione, disabili con handicap psichico o mentale che siano titolari di assegno di accompagnamento, disabili con gravi difficoltà di deambulazione, sottoposti a pluriamputazioni, con ridotte o impedite capacità motorie. La disabilità deve essere riconosciuta e certificata da ASL pubbliche.

Potrebbe interessarti anche...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*